Ultima modifica: 4 aprile 2018

CORSO DI FORMAZIONE SUL METODO COOPERATIVO – Infanzia Colugna

Grazie alla risorsa fornita dall’ I. C. di Tavagnacco, alcuni docenti hanno potuto partecipare al corso di formazione sulla metodologia del cooperative learning tenuto dalla Dott.ssa Manuela Cecotti. Gli appuntamenti si sono subito dimostrati interessanti perché siamo stati messi nella condizione di “agire” in un contesto cooperativo. Gruppi di due docenti, di tre, di quattro, infanzia, primaria e secondaria seduti in cerchio con la possibilità di guardarsi negli occhi; le consegne semplici, chiare, interessanti. Ma non solo, anche i compiti! Da eseguire con i bambini e gli alunni nelle classi. Infine una valutazione senza giudizio sul percorso svolto. I Docenti che hanno partecipato hanno potuto confrontarsi sulle tecniche, sugli strumenti e sulle sensazioni che questo metodo comporta. Hanno portato al corso gli elaborati dei propri alunni per avere un feedback da parte di tutti i colleghi; hanno trasformato di volta in volta il loro operato per renderlo sempre più coinvolgente e educativo per gli alunni. Riportiamo alcuni dei concetti chiave tratti dalle slides presentate al corso dalla formatrice.

Contesto classe cooperativo
“La positiva interdipendenza fra i membri del gruppo nelle classi cooperative si presenta in contrasto con le relazioni tra pari della classe tradizionale. Il successo di ogni membro del gruppo, infatti, porta a migliori ricompense (voti, riconoscimenti, premi) per gli altri.
In questo tipo di struttura gli studenti, naturalmente (!), tendono a sperare che i propri compagni facciano bene, incominciando in tal modo ad adottare un atteggiamento prosociale nei confronti dei propri compagni che tenderà ad essere generalizzato nei confronti degli altri.” (Kagan S., 1994)

Il clima cooperativo
Il clima all’interno del gruppo cooperativo è di attenzione e rispetto verso ciascun individuo.
Ci si sente incoraggiati e liberi di parlare sapendo che anche l’errore è elemento di conoscenza per capire dove è situato l’ostacolo che non permette la comprensione o la soluzione di un determinato problema. Attenzione agli altri significa mettersi in una posizione di ascolto, di comprensione, di valorizzazione. Si può imparare attraverso l’esperienza che ciascuno può essere competente su alcune cose, ma non su altre, e che ognuno può imparare qualsiasi cosa se lo vuole e se si impegna con costanza ed assiduità.

Atteggiamenti e valori democratici
E’ importante che gli alunni conoscano i valori democratici ed imparino a metterli in
pratica a scuola e nella vita quotidiana. In questo l’insegnante ha un duplice ruolo: di esempio e modello da una parte, di guida e accompagnatore, dall’altra.
I valori democratici sono:
RISPETTO
APERTURA
FIDUCIA – EMPATIA
ONESTA’ – GIUSTIZIA
UMILTA’
CORRETTEZZA

Le abilità democratiche
Connesse ai valori democratici possiamo evidenziare alcune abilità democratiche che
si riferiscono ai valori stessi e li specificano:
ASCOLTO
AUTENTICITA’
TOLLERANZA
COERENZA
RAZIONALITA’
AUTOCRITICA
AUTOSTIMA